Battleground – Fantasy Warfare

Battleground Fantasy / Historical Warfare potrebbe essere descritto come un gioco di miniature senza le miniature.

Battleground Fantasy Warfare

Viene commercializzato sotto forma di mazzi di carte, in genere due per ogni esercito, uno Starter con regole, una limitata selezione di carte unità e il mazzetto di 30 carte comando; e uno definito Reinforcement che contiene solo carte unità, in quantità maggiore, fra cui alcune non presenti nello Starter. Gli eserciti storici sono invece venduti in doppio mazzo, come ad esempio quello nella foto qui sopra che contiene gli eserciti di Roma e Cartagine.

Il corpo principale delle regole è piuttosto conciso, ma ricorda più i regolamenti antichi/napoleonici che quelli che di solito si sposano con un’ambientazione fantasy e che ti permettono di fare un po’ quel che ti pare.
Qui, all’inizio della partita si assegna un ordine ad ogni unità (carta), ordine che può essere avanzare, tirare a distanza (con alcune varianti), e tenere la posizione. L’ordine può avere dei modificatori, ad esempio un obiettivo (che può essere tanto un’altra unità, quanto un elemento del terreno) o una distanza massima. Nel caso non ci siano obiettivi associati all’ordine, l’unità lo eseguirà in direzione del nemico più vicino.

Battleground Fantasy Warfare

All’inizio di ogni turno, il giocatore attivo riceverà un certo numero di azioni comando (una ogni 500 pti), che può usare per cambiare l’ordine ad un’unità, prenderne il controllo diretto (senza cambiare l’ordine), riprendere un’unità in rotta, usare l’abilità speciale dell’esercito (ogni esercito ne ha almeno una), o ancora pescare una carta da un apposito mazzo. Queste carte vanno giocate in precise situazioni  a seconda del colore, ma in larga parte danno bonus di varia natura durante il combattimento.

Battleground Command Cards

Dopo una fase iniziale in cui si muove e si spendono le azioni comando, c’è la prima fase di morale, poi il combattimento (in CaC risponde anche il giocatore non di turno) e una seconda fase di morale. Quindi il turno passa.
Il combattimento è semplice: ogni unità ha tre valori in offesa e due in difesa: numero di dadi, attacco, forza, difesa e resistenza. Quando un’unità attacca tira i dadi a disposizione, ogni dado che da un risultato inferiore o uguale al proprio attacco meno la difesa dell’avversario (più/meno eventuali bonus/malus) è un colpo a segno. I successi si ritirano e ogni dado che da un risultato inferiore o uguale alla propria forza meno la resistenza dell’avversario (più/meno eventuali bonus/malus) è una ferita. Ogni carta ha un tot di ferite divise in tre aree (verde/gialla/rossa), ogni area dopo la verde da vari malus, ogni volta che si cancella l’ultima casella verde o gialla, o una qualsiasi casella rossa si fa un test di morale. E il morale, in questo gioco, è letale. In genere ci son più carte spazzate via da test di morale falliti che distrutte fino all’ultima ferita.

Il gioco è grossomodo tutto qui. Ci sono ovviamente un sacco di abilità speciali e modificatori per condizioni particolari, ma il nocciolo è piuttosto semplice. E meno male, perché gestire le unità dando loro degli ordini e poi vederglieli eseguire in maniera semi-automatica, richiede un po’ più di capacità di anticipazione del solito. Battleground è un gran bel gioco che richiama a tratti l’esperienza di un RTS per computer, e quando si entra nel vivo della battaglia le azioni comando non bastano mai.

Battleground Fantasy Warfare

Veniamo ora all’unico aspetto dolente: l’aspetto estetico. Aspetto che, devo ammetterlo, all’inizio ho davvero faticato a digerire. Già le carte in se danno davvero poca soddisfazione, rispetto a un tavolo coperto di miniature e scenari tridimensionali, e si somigliano un po’ tutte (fatte le ovvie eccezioni per le bestie più grosse o particolari). A peggiorare la situazione c’è la scelta di utilizzare per la grafica un rendering 3D piuttosto freddo e davvero poco evocativo, che fa molto anni ’90 e male si sposa con un’ambientazione fantasy. Il peggio per fortuna è relegato sul retro (i primi piani delle truppe), la maggior parte delle viste zenitali (che sono quelle che restano visibili durante la partita) sono in massima parte più che accettabili. Ad ogni modo ci si fa l’occhio, e gli eserciti più recenti hanno generalmente un’estetica più curata e colorata, e le unità sono meglio caratterizzate e diversificate.
Se proprio si vuole, è comunque possibile giocarlo con le miniature (meglio se 15mm), usando le carte come tray, come dimostrano alcune foto su BGG.

Battleground è una piccola gemma: è economico, necessita di pochissimo spazio e si gioca in poco tempo (per gli standard dei wargame). Attenzione però, non lo considero semplicemente un ripiego per chi cerca un wargame senza il costo o l’impegno richiesti dalle miniature. Battleground è un gioco con dignità propria, ha un regolamento impegnativo ma in grado di restituire grandi soddisfazioni, e che mette il giocatore nei panni di un generale al comando di un’armata, piuttosto che nella posizione del demiurgo onnipresente sul campo di battaglia.
Purtroppo in Europa non è facilmente reperibile, ma se non vi spaventa una spedizione intercontinentale, è un gioco che consiglio caldamente di provare.
Sito ufficiale: www.yourmovegames.com

Annunci

2 pensieri su “Battleground – Fantasy Warfare

  1. Looks interesting, but I admit it’s hard for me to look at when I am, as you say – so used to seeing the models on the table. In fact my first thought when I saw your battle layout was to replace the card stands and terrain with models, which I guess defeats the purpose.

    • I think Battleground is a neat ruleset on its own, well worth playing regardless the novelty of the cards format. Sure its main target are people who wants to play a miniature wargame without the cost and time sink of the modeling aspect, but the rulesets is a solid one, with enough interesting twists to be checked by any wargaming enthusiast, whatever is its modeling attitude.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...