One Page Rules: Hammer Wars

Recentemente ho provato Hammer Wars, un regolamento gratuito il cui scopo principale è quello di permettere battaglie fra eserciti di Warhammer Fantasy contro eserciti di Warhammer 40,000. Ma in questo regolamento, come in un Transformer, c’è più di quel che vedi. Perché l’autore non si è fermato a creare un mashup dei due giochi ma ha creato un gioco nuovo, un regolamento con una sua identità e meritevole di essere provato indipendentemente dal desiderio di far scontrare eserciti Fantasy con quelli del 41simo Millennio.
Recently I’ve tried Hammer Wars, a free ruleset whose main purpose is allow battles between armies from both Warhammer Fantasy and Warhammer 40,000. But in this game, like a Transformer, there’s more than meets the eye. Because the author didn’t  create just a mashup of the two games but a whole new game, a game with its own identity that deserves to be tried regardless of the desire to put fantasy armies against those of 41st Millenium.

IMG_8696

La partita giocata inscenava uno scontro fra Tiranidi e Non-Morti.
We played a game depicting a battle between Tyranids and Undeads.

Il gioco, come tutti quelli pubblicati sul sito One Page Rules, è prevedibilmente contenuto in una sola pagina, alla faccia di Age of Sigmar :) , ma ce n’è abbastanza per definire un gioco semplicissimo eppure interessante.
The game, like all those published on One Page Rules, fits in a single page, but there’s enough to define a simple yet interesting game.

IMG_8695

Cominciamo col dire che Hammer Wars è uno di quei regolamenti generici che non offre un sistema di costruzione dei profili dei modelli, ma una serie di categorie o classi di soldati preimpostate a cui associare i modelli di un esercito piuttosto che un altro. Quindi un fante da assalto sarà uguale in ogni esercito: che si tratti di uno Space Marine armato di chainsword o un Nano armato di martello e scudo.
I profili disponibili sono Infantry, Specialist, Hero e Heavy, per ognuno dei quali esiste la versione Assault, Ranged e Support (tranne per l’Heavy, disponibile solo come Ranged e Support).
Ogni profilo presenta le varie caratteristiche del modello, con indicate cose come movimento, armatura, attacchi, eccetera. Ha anche indicato un costo in punti, al quale può essere associato un costo in xp.
All’inizio della partita ogni giocatore crea il proprio pool di modelli secondo una lista predefinita (9 fanterie, 5 specialisti, eccetera) associandovi i modelli del proprio esercito nella maniera che ritiene più consona. Questi modelli però non vengono schierati da subito. All’inizio del proprio turno ogni giocatore riceverà 6 punti e 1 xp per “evocare” in gioco i modelli che desidera, attingendo a questo pool. Una volta terminata questa fase ci sarà poi il turno vero e proprio in cui muovere e far attaccare i propri modelli. I modelli che vengono eliminati tornano a far parte del pool di modelli evocabili. Questo da al gioco un feeling molto da RTS per computer e lo rende interessante e originale rispetto ad altri giochi.
Let’s start saying that Hammer Wars is one of those generic rulesets that does not offer a point system to build tour own troop profiles, but lists a given number of categories of soldiers to be associated to the models of any army. So an assault infantry will be the same in every army, whether it’s a chainsword wielding Space Marine or a Dwarf armed with hammer and shield.
The available profiles are: Infantry, Specialist, Hero and Heavy, for each of which there are three versions: Assault, Ranged and Support (except for the Heavy, available only Ranged and Support).
Each profile presents the various stats of the model, with such things like movement, armor, attacks, and so on. There is also indicated a point cost, which may also be associated to a cost in xp.
Before the game, each player creates his own pool of models according to a predefined list (9 infantry, 5 specialists, etc.) associating profiles to models from his army as he see fit. These models are not deployed immediately. At the beginning of his turn each player will receive 6 points and 1 xp to “summon” models in play, drawing from his pool. Once this phase is completed the proper turn will begin where to move and attack with models, as usual. Eliminated models return to the pool of models, available for further summoning later.
This gives the game kinda of RTS feeling and makes it quite  original.

IMG_8714

Lo svolgimento del turno è poi abbastanza canonico: i modelli muovono, possono correre ma in tal caso non sparano, quindi i modelli ingaggiati combattono in corpo a corpo. Anche qui però segnalo un’intuizione molto interessante dell’autore che ha scelto di indicare l’armatura dei modelli con una categoria (light, medium, heavy) e di dare a ogni attacco tre valori per colpire le tre diverse classi di armatura. Ad esempio un fante da tiro colpisce le armature leggere con 3+ mentre quelle medie e pesanti con 6. Il fante di supporto invece, colpisce medie al 3+ e heavy al 4+, ma le leggere al 5+. Questo a rappresentare armamento impreciso ma in grado di penetrare le armature. Questa differenziazione di solito richiede due tiri (colpire e ferire) come in Warmachine o Dark Age ed è il sistema migliore per me, perché permette di avere truppe che colpiscono facilmente ma feriscono difficilmente e vice versa, così come truppe difficili da colpire ma facili da ferire (es. la fanteria di Warmachine) o al contrario facili da colpire ma difficili da danneggiare (es. i Warjack). Perché ritengo questo importante? Perché permette di avere un gioco in cui è decisivo portare il pezzo giusto sul bersaglio giusto, dando peso alle decisioni del giocatore e togliendo quindi importanza al dado.
Ecco, l’autore di Hammer Wars è riuscito a sintetizzare questa meccanica in un singolo tiro di dado. Il regolamento è e resta semplice, molto semplice, ma niente affatto stupido. E’ un bel regolamentino che al di la del vezzo di simulare una battaglia fra Uomini Lucertola e Tau, val la pena tenere in considerazione anche per giocare battaglie più canoniche con linee di miniature che non hanno un regolamento associato o provengono da giochi diversi ma di epoche compatibili.
The turn carries on in a quite standard way with models moving and shooting, those that ran cannot shoot, the models engaged in close combat will fight. Even here, however, I’d like to point out an interesting aspect: the author has chosen to indicate the armor of the models with a category (light, medium, heavy) and to give every attack three values ​​to hit the three different classes of armor. For example, a Ranged Infantry hit light armor on 3+ while medium and heavy on 6. Support Infantry instead, hit medium on 3+ and heavy on 4+, but light on 5+. This represents armament designed to penetrate armored targets. This kind of detail usually requires two dice rolls (to hit and to wound) as in Warmachine or Dark Age and is the best way to solve combat for me, because it allows troops that hit easily but with low damage output and vice versa, as well as troops hard to hit but easy to wound (i.e. Warmachine infantry) or otherwise easy to hit but difficult to damage (eg. Warjacks). Why I believe this is so important? Because it allows for a game in which it is crucial to bring the right model on the right target, giving weight to player decisions.
Here, the author of Hammer Wars managed to synthesize this mechanism in a single roll. The regulation is still simple, very simple, but by no means stupid. It ‘s a nice game that beyond the novelty of simulating a battle between Lizardmen and Tau, it is worth to keep at hand to play battles with miniature lines that have no associated rulebook, or that come from different games but same genre.

Il gioco è poi completo di un semplice sistema di obiettivi. Quello si forse fin troppo risicato. Ma resta davvero un bel regolamentino, semplice, veloce e davvero divertente, che val la pena stampare e tenera a portata di mano per un’occasionale partita un po’ diversa dal solito.
The game also includes a simple objectives system, which is maybe a bit too simple. The game is anyway a really nice ruleset, simple, fast and really fun, that is worth printing and keep handy for a casual game when you feel in the mood.

Download: https://onepagerules.wordpress.com/portfolio/hammer-wars/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...